full
image
#d9d9d9
http://www.damicoweb.it/wp-content/themes/studiodamico/
http://www.damicoweb.it/
#14c3f4
style3

Accessibilità


Riceviamo il Martedì, Giovedì, Venerdì dalle 09:00/12:00 e dalle 15:00/19:30.

L’accesso ordinario o urgente è regolamentato dalla prenotazione.

Per l’assenza di barriere architettoniche, i pazienti con difficoltà motorie possono essere portati in macchina fino all’ingresso dell’edificio, accedendo alla struttura direttamente in carrozzina.

Prenotazioni


Per effettuare una prenotazione è possibile utilizzare una delle seguenti modalità:

1) Telefonando al numero: 081.544.86.90 o 081.185.76.148.

2) Inviando un'e-mail a info@damicoweb.it, indicando la propria disponibilità, sarà cura della struttura prendere in visione la richiesta ed inviare una e-mail di conferma dell’avvenuta registrazione.

081.5448690 | 081.18576148

Sterilizzazione

Pluto

L’ambulatorio D’Amico pone la massima attenzione ai processi di decontaminazione, detersione, disinfezione e sterilizzazione adottando rigidi protocolli operativi. L’obiettivo principale è quello di garantire che strumenti e materiali siano sicuri al momento del loro utilizzo sul paziente. È pertanto di fondamentale importanza che all’interno dello studio si decida di dedicare tempo e metodologie specifiche alle procedure di sterilizzazione, e che gli operatori responsabili di questo settore conoscano perfettamente le prassi operative e siano consapevoli dell’incomprimibilità dei tempi destinati ai singoli passaggi. La norma UNI EN 556-1:2002 stabilisce che è possibile indicare come sterile un prodotto quando è sottoposto ad un procedimento di sterilizzazione convalidato. Questo significa che è necessario impiegare apparecchiature per la sterilizzazione costruite ed installate a norma di legge, monitorando il procedimento prescelto.

Decontaminazione chimica
Subito dopo l’uso lo strumentario viene decontaminato prima di essere lavato o maneggiato. La decontaminazione viene effettuata mediante immersione in soluzioni chimiche appropriate. Le soluzioni decontaminanti vengono cambiate giornalmente rispettando quanto contenuto nella scheda tecnica del prodotto.


Risciacquo e asciugatura

Dopo la decontaminazione gli strumenti vengono risciacquati in abbondante acqua corrente. L’utilizzo di sostanze enzimatiche proteolitiche facilita le successive operazioni di pulizia. I residui grossolani di sporco vengono asportati immergendo gli strumenti in una soluzione detergente e utilizzando spazzole e scovolini. Le spazzole utilizzate per il lavaggio vengono sottoposte a decontaminazione, lavaggio e disinfezione al termine dell’uso.
L’asciugatura finale va eseguita in modo accurato per evitare residui di umidità, che possono invalidare il processo di sterilizzazione.


Confezionamento

Il confezionamento dello strumentario ha lo scopo di conservare la sterilità fino al momento del loro uso, e permettere la penetrazione ed il contatto degli oggetti con gli agenti sterilizzanti. I materiali da imballaggio devono essere permeabili all’agente sterilizzante, mantenere la sterilità, essere di facile impiego, a basso costo e resistenti all’umidità. Le buste in carta e polipropilene sono un ottimo sistema di imballaggio per la sterilizzazione a vapore (DIN 58-953).

Sterilizzazione in autoclave
II vapore d’acqua, saturo e sotto pressione, è il mezzo di sterilizzazione più usato nelle strutture sanitarie in quanto è il più veloce, economico e privo di tossicità rispetto ad altri agenti sterilizzanti.

I valori di temperatura e pressione da usarsi sono i seguenti

Temperatura: 121°C – Tempo: 30‘ – Pressione: 1 atm
Temperatura: 134°C – Tempo: 20’ – Pressione: 2 atm

 

Tali tempi sono in grado di garantire un processo efficace su tutti i ceppi patogeni.


Preparazione dell’ambiente, dello strumentario, del paziente e degli operatori

Anche gli ambienti operativi, e il loro contenuto (come succede con lo strumentario dopo aver terminato una prestazione) vengono puliti, disinfettati e sterilizzati.

 

Il nostro ambulatorio adotta il seguente protocollo: si trasferisce tutto ciò che è stato usato nella cura precedente in sala sterilizzazione smontando i manipoli, turbine, contrangoli, fibre ottiche e tutto ciò che è possibile smontare, e tutto il materiale monouso viene eliminato come “rifiuto speciale”.

L’obiettivo di una corretta preparazione è quello di minimizzare il rischio di infezione rispettando una serie di importanti norme che sono volte a:

– ridurre il numero dei germi presenti nel cavo orale e sui tegumenti esterni dei pazienti
– impedire l’apporto di germi dall’ambiente esterno attraverso gli operatori e lo strumentario.

 

Il rischio infettivo a parità di condizioni di preparazione preoperatoria, è legato al tipo di intervento che viene eseguito. Interventi superficiali e di breve durata espongono ovviamente a minori rischi di infezione rispetto ad interventi più invasivi e prolungati.

 

La percentuale di complicanze infettive è bassa a patto di rispettare dei protocolli corretti di preparazione dell’ambiente operatorio, del paziente, dello strumentario e degli operatori. Le quattro fasi principali per l’abbattimento degli agenti decontaminanti sono rappresentate da: decontaminazione, detersione, disinfezione e sterilizzazione.

 

Pertanto, per quanto riguarda la preparazione di ambiente, strumentario, pazienti ed operatori, possono essere distinti due procedure principali: la preparazione pulita e la preparazione sterile.

Preparazione pulita e Preparazione dell’ambiente
Prevede la detersione e la disinfezione delle superfici e la copertura con telini puliti del vassoio su cui si appoggeranno gli strumenti. È buona norma ricoprire gli oggetti nel raggio di 3 metri circa con pellicole plastiche monouso pulite ma non sterili, da rimuovere alla fine di ogni intervento. Durante le procedure odontoiatriche, infatti, l’utilizzo di strumenti rotanti con getti d’aria o d’acqua può produrre nebulizzazioni che si disperdono nell’ambiente fino a 3 metri di raggio di distanza intorno al paziente.


Preparazione dello strumentario

Prevede il posizionamento di strumenti tutti sterilizzati sui teli.
Per diminuire il rischio di contaminazione e migliorare l’ergonomia è indicato predisporre dei kit di strumenti prestabiliti. La mancanza di Kit prestabiliti comporta una perdita di tempo maggiore ed il rischio di contaminare il campo operatorio e gli oggetti circostanti.

 

Preparazione del paziente
Prevede sciaqui con colluttorio alla clorexidina allo 0,12% o 0,2%, da effettuare appena prima dell’atto terapeutico e per un minuto circa per diminuire la carica batterica intraorale.

 

Il paziente deve entrare nell’ambiente operatorio possibilmente con copriscarpe e con una cuffia pulita e deve essere coperto con teli puliti.

Preparazione degli operatori
Prevede l’uso di copriscarpe monouso o di calzature specifiche da usare solo nella sala operativa, di cuffia e mascherina non sterili, la detersione delle mani con saponi appositi, l’utilizzo di divise pulite e di guanti monouso. Sono indicati anche l’uso di occhiali protettivi ad esclusiva sicurezza degli operatori.
E’ importante che mani e avambracci degli operatori siano liberi da orologi, anelli, braccialetti etc.

 

Preparazione dell’ambiente e dello strumentario
Prevede le stesse procedure della preparazione pulita ad eccezione dei telini di copertura che saranno sterili.

 


Preparazione del paziente

Simile alla preparazione pulita ma si differenzia poichè prevede:

– la preparazione della cute periorale (labbra, guance, mento, collo, piramide nasale) mediante antisettici specifici, quali gli alogeni di cloro e/o iodio, per rimuovere i germi saprofiti della cute e diminuire il rischio di contaminazione del campo operatorio intraorale.

– la copertura del paziente mediante teli sterili che devono ricoprire tutto il corpo del paziente lasciando esposti solo la zona periorale ed il naso, precedentemente trattati con antisettici.

Preparazione sterile
La preparazione sterile è indicata per gli interventi chirurgici invasivi e prolungati, come rialzi del seno, chirurgia prepotesica e rigenerazione ossea (GBR), inserimento di impianti endo-ossei ecc. , o dove il rischio di infezioni è maggiore (pazienti diabetici, immunodepressi ecc.)

 

Preparazione degli operatori
Prevede l’uso di copriscarpe monouso o di calzature specifiche da usare solo in sala operatoria, di cuffie e mascherine non sterili, la detersione delle mani e degli avambracci con saponi appositi, l’utilizzo di un camice sterile a maniche lunghe e di guanti sterili. Anche in questo caso gli occhiali protettivi possono essere indicati per la sicurezza degli operatori.

Con cuffia, mascherina e calzari già indossati si procede al lavaggio delle mani e degli avambracci con appositi saponi antisettici e all’asciugatura con teli sterili.

Si procede quindi ad indossare il camice sterile e guanti sterili.

paged
Caricamento News...
link_magnifier
#666666
on
fadeInUp
loading
#666666
off
Indietro